Storia

Content

1954 – viene fondata la Ruhrital snc in via Casati 36 a Milano che rappresentava, tra gli altri, anche i prodotti della gamma Rexroth e occupava una manciata di dipendenti. Le centraline allora erano così piccole che potevano essere trasportate a mano sugli scalini …


1960 – Il carattere innovativo di questa piccola, ma vitale azienda, è dimostrato dall’idea di far nascere, nel 1960, la nuova rivista “L’oleodinamica” i cui diritti furono in seguito venduti a una casa editrice per trasformarsi nell’attuale “Oleodinamica e Pneumatica”, la più conosciuta rivista del settore.


1962 - Ruhrital si trasforma in Oleodinamica Ruhrital S.p.A e, per evidenti motivi di spazio, la sede si sposta in via Monfalcone 14, sempre a Milano. I dipendenti sono già diventati 46 e le vendite ammontano a 600 milioni di lire di allora.


1971 - G.L. Rexroth rileva il 75% del capitale della Oleodinamica Ruhrital che si trasforma in Rexroth Ruhrital S.p.A.


1976 – A seguito della robusta crescita e delle sue crescenti esigenze di spazio l’azienda trasferisce la sua sede a Cernusco sul Naviglio. Per la prima volta la Società può disporre di un’officina ben attrezzata, di un magazzino e di un moderno centro informatico. Qualche collaboratore si ricorda ancora come si presentava la zona allora: accanto alla via di Vittorio, interamente sterrata, scorreva una roggia. Il Centro Tessile, di fronte, non esisteva ancora e al suo posto sorgeva … una fattoria completa di mucche!


Nello stesso anno Rexroth completa l’acquisizione rilevando il 100% del capitale della Oleodinamica Ruhrital che si trasforma in Rexroth S.p.A.


1979 - viene acquisita Rexroth Srl che da anni commercia i prodotti della fonderia Rexroth. Il trasferimento a Cernusco della struttura operativa avviene nel 1986.


1990 - viene rilevata Wabco Tecniche Automazione ampliando la gamma e aggiungendo alle competenze di Rexroth la tecnologia pneumatica.


1992 - viene acquisito il 75% del capitale di PB Mikron che per l’occasione l’azienda cambia la ragione sociale in Star Mikron. In tal modo Rexroth Italia si arricchisce della tecnologia di movimentazione lineare Deutsche Star.


1999 - Rexroth S.p.A. trasforma la sua ragione sociale in Mannesmann Rexroth S.p.A.


2001 - la “Divisione tecnica di Automazione Bosch” viene integrata con Rexroth, società già controllata da Atecs Mannesmann, dando vita alla Bosch Rexroth AG (100% Bosch). Contestualmente, nasce in Italia Bosch Rexroth S.p.A., nella quale confluiscono le attività del “Settore Tecnica di Automazione” di Robert Bosch S.p.A. e quelle di Star Micron S.p.A., con sede a Cernusco sul Naviglio (MI).


2005 – inaugurazione del nuovo laboratorio di Tecnica Lineare e Pneumatica.


2006 – inaugurazione banchi prova della Divisione Service.

2014 Dal 1 gennaio, Rexroth Pneumatics agisce come un’entità separata, legalmente ed economicamente indipendente da Bosch Rexroth.

 


Da antica fucina a fornitore di soluzioni high-tech: oltre 200 anni di Bosch Rexroth

Bosch Rexroth è una delle aziende leader specializzata nelle tecnologie per l'azionamento e il controllo del movimento. Sviluppiamo soluzioni innovative per i costruttori di macchinari e impianti in tutto il mondo. Con la sua lunga storia e una straordinaria competenza nel settore, l'azienda è sinonimo di soluzioni realizzate su misura. Di seguito viene riportata una breve tavola cronologica dei 200 anni di storia di Bosch Rexroth:


Storia 1795

Georg Ludwig Rexroth mette in funzione una fucina con maglio ad acqua nell'Elsavatal (Spessart) dando inizio alla storia dell'azienda.


 
Storia 1850

dopo l'acquisizione della fonderia Stein a Lohr, viene stabilita qui, nella valle del fiume Meno, la sede dell'azienda.


Storia 1930

Rexroth sviluppa fusioni speciali di elevata qualità.


 
Storia 1952

Inizio della produzione di sistemi e componenti idraulici standardizzati.


Storia 1953

Prima pompa ad ingranaggi con struttura a piastre per macchine operatrici mobili.


 
Storia 1959

Pompe a ingranaggi speciali e valvole di blocco, prima costruzione monoblocco.


Storia 1960

La disposizione delle valvole senza intubamento, grazie al montaggio a blocchi, pone le basi per nuove applicazioni idrauliche nei più svariati settori industriali.


 
Storia 1962

Sviluppo di un sistema a doppio circuito per il comando idraulico delle macchine per dragaggio.


Storia 1964

Prima miniserie di pompe a pistoni radiali a tre pistoni. Programma di macchine idrauliche a pistoni assiali in sistema modulare.


 
Storia 1966

Dopo l'acquisizione della società Indramat GmbH, nell'anno precedente, Rexroth istituisce un reparto speciale per i comandi e i sistemi di regolazione elettronici.


Storia 1968

Sviluppo di unità a pistoni assiali a disco obliquo per le macchine operatrici mobili. Partecipazione di Mannesmann AG a Rexroth.


 
Storia 1972

Rexroth lancia sul mercato la prima servovalvola idraulica.


Storia 1974

L'elettronica a valvole proporzionali combina i vantaggi dell'idraulica e dell'elettronica.


 
Storia 1975

Rexroth viene rilevata al 100 per cento dalla società Mannesmann AG.


Storia 1976

Mannesmann Rexroth acquista il gruppo Brueninghaus GmbH, acquisendo di conseguenza la relativa produzione di pompe e motori a pistoni assiali.


 
Storia 1979

Mannesmann Rexroth sviluppa il primo servomotore CA al mondo che non necessita di manutenzione, lasciando un'impronta duratura nel settore dell'ingegneria meccanica.


Storia 1979

L'azienda lancia sul mercato il primo ingranaggio epicicloidale a due stadi, sviluppato specificamente per l'industria eolica, avviandone la fornitura in serie.


 

Mannesmann Rexroth mette a disposizione il primo sistema elettronico digitale per la regolazione dei dispositivi di sollevamento. Nello stesso anno, viene fondato il settore Pneumatica.


Storia 1990

L'azienda ottiene appalti importanti nel settore della tecnica di palcoscenico, ad esempio in occasione del Festival di Bayreuth.


 
Storia 1993

Costruzione del banco di prova idraulico HYDRA per il controllo delle vibrazioni per incarico dell'ESA (European Space Agency).


Storia 1994

Equipaggiamento per l'escavatrice più grande del mondo.


 
Storia 1997

Le tecnologie di Bosch Rexroth sono utilizzate nel più grande scavatore a cucchiaio del mondo. Lancio del "Solitaire", la più grande nave posatubi al mondo, con a bordo i sistemi idraulici di Bosch Rexroth.


Storia 1999

Rexroth fornisce i componenti idraulici per la costruzione del grande tunnel sotto l'Elba.


 
Storia 2001

Fusione di Mannesmann Rexroth AG e Bosch Automationstechnik in Bosch Rexroth AG.


Storia 2004

Rexroth fornisce il primo ingranaggio REDULUS GPV con struttura a differenziale.


 
Storia 2005

Con IndraDrive Mi, viene lanciato sul mercato il primo servoregolatore integrato nel motore.


Storia 2009

La combinazione di pompa idraulica con motore elettrico regolato genera sempre e solo la quantità di forza idraulica richiesta in un determinato momento. Gli azionamenti a velocità variabile per pompe Sytronix riducono fino all'80 percento il consumo di energia.

 
Storia 2010

Le pompe a cilindrata variabile operano con grande efficienza sotto il profilo energetico, perché forniscono energia in base al fabbisogno. La pompa a cilindrata variabile a pistoni assiali A1VO offre questi vantaggi per la prima volta anche per trattori di bassa potenza e per azionamenti ausiliari in veicoli di lavoro.

Storia 2011

Rispettare i valori limite delle emissioni acustiche senza incapsulamento: La pompa ad ingranaggi esterni SILENCE PLUS lavora con un livello di rumorosità ridotto di 15 db(A) rispetto a pompe comparabili.

 
Storia 2011.1

Il sistema di controllo IndraMotion MLC automatizza macchine e impianti complessi. Questi combina Motion, Logica e Robotica con un'architettura di controllo aperta unica nel suo genere per la programmazione in linguaggio evoluto.

Storia 2011.2

Inizio della produzione di azionamenti planetari per l'impiego nella costruzione di macchine di peso medio ed elevato.

 
Storia 2012

La trasmissione idrostatica supplementare Hydraulic Traction Assistant (HTA) mette a disposizione una potenza aggiuntiva durante la trazione per quasi tutti i veicoli industriali. Il sistema HTA è una trazione integrale attivabile nei momenti di bisogno ed è circa 400 kg più leggero rispetto a soluzioni meccaniche.

Storia 2012.1

L'assale autarchico elettroidraulico è composto da un gruppo di azionamento pompa, un cilindro idraulico e un proprio circuito del fluido. Per il collegamento bastano un cavo di alimentazione elettrica e un cavo di comunicazione.

 
Storia 2012.2

Come partner di sistema per grandi progetti Rexroth realizza soluzioni di automazione totalmente innovative come nel caso della prima struttura portante al mondo con guscio adattivo oppure del sistema idraulico ad elevate prestazioni per l'utilizzo nella diga "La Yesca" in Messico.

Storia 2013

Le trasmissioni HVT combinano i vantaggi di un sistema di trazione idrostatica con quelli di una trazione meccanica, consentendo di posizionare il veicolo in modo preciso e morbido. Le trasmissioni idromeccaniche a variazione continua riducono inoltre fino al 20 percento il consumo di carburante durante la trazione.

 
Storia 2013.1

Open Core Engineering completa la programmazione PLC combinandola con l'automazione IT. L'interfaccia tecnologica premiata nel 2013 con l'HERMES AWARD inaugura possibilità completamente nuove per il collegamento in rete con la tecnologia dell'informazione e Industry 4.0.

Storia 2013.2

IndraDrive ML aumenta fino a quattro megawatt le prestazioni degli azionamenti di motori elettrici. Grazie a funzioni di gestione intelligente dell'energia gli azionamenti elettrici riducono il consumo energetico durante la movimentazione di carichi elevati.

 
Storia 2013.3

La nuova concezione brevettata della zona d'ingresso consente ai carrelli delle guide a rulli su rotaia RSHP di accogliere carichi senza strappi e sollecitazioni e di migliorare così l'accuratezza nelle lavorazioni ad alta precisione.

Storia 2014

Il controllo elettroidraulico del sollevatore assicura una lavorazione uniforme della superficie del terreno e una minore usura dell'attrezzatura. Con l'EHC-8 Rexroth offre questi vantaggi per la prima volta anche per trattori fino a 80 cv diffusi nei paesi emergenti.

 
Storia 2014.1

Utilizzatore principale per Industry 4.0: Sulla linea multiprodotto collegata in rete nello stabilimento Bosch Rexroth di Homburg/Saar i dipendenti montano su nove stazioni intelligenti 200 differenti versioni di valvole idrauliche all'insegna della massima efficienza.

Storia 2014.2

Nuovo miglior marchio per la densità di forza: Con dimensioni dimezzate rispetto al modello precedente l'azionamento idraulico diretto Hägglunds CBM offre il 50 percento di coppia in più.

 
Storia 2014.3

Tecnica di azionamento Cabinet Free: Con IndraDrive Mi i costruttori di macchine riducono fino al 90 percento i costi di cablaggio, perché possono posizionare servomotore, regolatore e tutti i componenti di rete direttamente nella macchina, risparmiando lo spazio per un armadio elettrico.

Storia 2014.4

La piattaforma di controllo IndraControl XM offre più intelligenza per applicazioni Industry 4.0 e le collega ad un'elaborazione estremamente veloce di segnali di processo.

 
Storia 2014.5

Preciso come una scala graduata incisa su vetro, ma insensibile a urti, vibrazioni o campi elettromagnetici: Il sistema di misura IMS-I è perfettamente integrato nei carrelli delle guide a sfere e a rulli su rotaia.

Storia 2015

Il sistema idraulico Start-Stop HSS per il risparmio di carburante spegne autonomamente i motori diesel e li riavvia con l'energia idraulica precedentemente accumulata.

 
Storia 2015.1

Idraulica intelligente, collegabile in rete: La centrale idraulica ABPAC sorveglia autonomamente tutti i dati di esercizio e tutti i componenti, segnalando un'eventuale usura prima che provochi un malfunzionamento.

Storia 2015.2

I gestori di impianti possono ottenere una migliore disponibilità dei sistemi idraulici all'interno delle macchine con il pacchetto di servizi ODiN. Bosch Rexroth rileva con questo servizio tutti i dati di esercizio e li analizza con un software appositamente concepito, in modo da individuare con una certa affidabilità l'usura prima che causi un fermo imprevisto dell'impianto.

 
Storia 2015.3

Il servomotore MS2N offre una densità di potenza notevolmente accresciuta e in combinazione con dispositivi di regolazione funge da sensore e sorgente di dati nella produzione collegata in rete. I dati forniscono informazioni importanti per la manutenzione predittiva e per una più elevata produttività.

Storia 2015.4

La soluzione di saldatura PRC7300 a prova di futuro si inserisce nell'ottica di Industry 4.0 e gestisce anche le combinazioni di metalli del futuro. L'impiego di modernissima elettronica di potenza riduce il consumo energetico fino al 30 percento nella fase di saldatura e addirittura fino all'80 percento in stato non operativo.