Marginal Column
Heavy equipment for bridge maintenance

Ferrovia ai massimi livelli

Content

Marzo 2016

 

48 ore: questo il tempo a disposizione per il team di assistenza Bosch Rexroth Cina, per eseguire la manutenzione al sistema idraulico di un importante nodo ferroviario. Un compito per veri professionisti.

È una grande pietra miliare per la rete ferroviaria cinese: parliamo della ferrovia Guangdong-Hainan, entrata in esercizio nel 2003, che unisce le reti ferroviarie delle due province mediante un tratto su traghetto, collegando così anche l’Isola di Hainan. Un grande passo in avanti per le infrastrutture locali. Con un presupposto fondamentale: l’affidabilità di carico e scarico dei traghetti. Feng Wang, Responsabile del Reparto Management Servizio Traghetti della ferrovia Guangdong-Hainan, guarda esattamente a questo – e con valide ragioni: “Possiamo dire che il Porto Traghetti dell’Isola di Hainan rappresenti il bottleneck della ferrovia: se dovesse verificarsi un problema in questo punto, gli effetti si ripercuoterebbero sull’intera rete ferroviaria!” Per confermare tale previsione, basta una semplice occhiata all’orario: se già in bassa stagione il traghetto deve circolare almeno dieci volte al giorno, in alta stagione la frequenza aumenta fino a 20-30 corse giornaliere.

Il Porto Traghetti dell'Isola di Hainan rappresenta il bottleneck della ferrovia Guangdong-Hainan Magnifier

Il Porto Traghetti dell'Isola di Hainan rappresenta il bottleneck della ferrovia Guangdong-Hainan

 

In scena si dall'inizio: l'idraulica

Ciascun porto traghetti è dotato di tre pontili di attracco, per il carico e lo scarico dei traghetti stessi: uno per i viaggiatori, uno per gli automezzi ed uno per i treni. I pontili per viaggiatori e quelli per automezzi sono rampe a singolo elemento, che vengono traslate con due cilindri idraulici ciascuna; i pontili di attracco per traghetti per tutti i tipi di treni, da 90 metri di lunghezza, sono invece costituiti da tre rampe singole, collegate fra loro da giunti articolati. Il movimento viene svolto da tre coppie di cilindri con sospensione cardanica, che si spostano in modo sincronizzato, comandate elettronicamente. Ad oggi, l’impianto ha funzionato senza avarie; affinché ciò sia così anche in futuro, esiste un piano manutenzione prestabilito, che prevede la sostituzione dei cilindri ad intervalli fissi.

Il tempo stringe

I cilindri sono molto grandi: le varianti utilizzate nell’impianto pesano fra 1,4 e 14 tonnellate. Per l’intervento di manutenzione, sono disponibili in loco tre cilindri, che possono fungere da ricambi. Il team di assistenza incaricato ha suddiviso il lavoro in quattro fasi – il che comportava anche un rischio quadruplo per la compagnia ferroviaria: infatti, per ogni sostituzione, il traffico ferroviario va interrotto. Secondo le stime dei responsabili, ciascun giorno d’interruzione del servizio sarebbe costato circa 300.000 euro. Ben poco margine, quindi, per Jie Liu, Service Manager di Bosch Rexroth Cina: “La consegna consisteva nel non sospendere il traffico ferroviario per più di 60 ore; tuttavia, per mantenere un adeguato margine per eventuali imprevisti, abbiamo stabilito di svolgere il lavoro entro 48 ore”. Per il team locale, quindi, è iniziata una vera e propria gara contro il tempo: occorreva, infatti, non soltanto sostituire i cilindri, ma anche 8.000 litri d’olio e i relativi condotti.

Il pontile di attracco per i treni, da 90 metri di lunghezza, è composto da tre rampe singole, collegate fra loro da giunti articolati. I movimenti vengono svolti da tre coppie di cilindri. Magnifier

Il pontile di attracco per i treni, da 90 metri di lunghezza, è composto da tre rampe singole, collegate fra loro da giunti articolati. I movimenti vengono svolti da tre coppie di cilindri.

 
Grazie alla linea Guangdong-Hainan, l’Isola di Hainan è stata collegata alla rete ferroviaria continentale cinese. Magnifier

Grazie alla linea Guangdong-Hainan, l’Isola di Hainan è stata collegata alla rete ferroviaria continentale cinese..

Un esercizio di due giorni a pezzo

Il team di assistenza era composto da 12 ingegneri e più di 60 fra operai ed elettricisti, oltre ad apparecchiature pesanti, quali gru e veicoli per trasporti eccezionali. Il lavoro più complesso è stato lo smontaggio dei cilindri, che, inoltre, richiedeva sempre grande precisione e sensibilità: l’aria salmastra, dall’alto contenuto salino, aveva infatti già dato molto da fare ai cilindri; ulteriori danneggiamenti andavano assolutamente evitati. Perciò, il team ha fatto in modo che il personale di servizio potesse lavorare sempre con piena concentrazione, operando in più turni.Una volta smontati, i cilindri sono stati inviati, il più rapidamente possibile, nello stabilimento Bosch Rexroth di Changzhou. A tale riguardo, gli specialisti in loco hanno dapprima esaminato quali singoli componenti andassero sostituiti. “Gli steli dei pistoni erano ancora in condizioni impeccabili: perciò, andavano sostituite guarnizioni e valvole”, ci spiega Lv Bin, il Project Engineer per l’ambito Service. La funzionalità del cilindro è stata quindi assicurata mediante varie procedure di test. A due sole settimane dalla consegna, il veicolo da trasporto ha così riportato i cilindri revisionati al punto di carico, da cui è iniziata la fase successiva. “Oltre alle questioni tecniche, soprattutto le tempistiche sono state molto impegnative da gestire”, ricorda Bin. “La compagnia ferroviaria ha dovuto laboriosamente individuare i momenti appropriati per il montaggio e lo smontaggio dei cilindri – e, da parte nostra, abbiamo dovuto reagire con grande flessibilità”. E lo sforzo è pienamente riuscito: dopo i tempi di fermo pianificati, in ciascuna delle quattro fasi, la ferrovia ha ripreso l’esercizio come di consueto.