Marginal Column

Acqua per il deserto

Content

Novembre 2015

 

In Iraq Bosch Rexroth sta ammodernando il complesso impianto idraulico di un’opera in acciaio. Una combinazione fra sistema di sbarramento, chiusa e ponte girevole protegge la vegetazione dall’acqua salmastra, consentendo nel contempo il trasporto delle merci all’interno del Paese.

L’area interna dell’Iraq è fra le zone più calde al mondo: nei mesi estivi, temperature fi no a 51° non sono una rarità e fra giugno e settembre l’attesa della pioggia è vana. Senza l’acqua dei fi umi Tigri ed Eufrate, la vegetazione non potrebbe sopravvivere. Alla confl uenza dei due corsi d’acqua ha inizio il canale Shatt al ‘Arab, utilizzato per l’irrigazione di un tratto desertico non raggiunto dal fi ume. In piena estate, quando il livello delle acque è basso, vi è tuttavia il rischio che l’acqua salmastra proveniente dal Golfo Persico penetri nel canale, arrecando danni alla vegetazione. Per evitare il fenomeno, già nel 1977, poco a monte della foce del canale (nel Golfo Persico), venne realizzata un’opera idraulica in acciaio che combina un sistema di sbarramento, una chiusa e un ponte girevole, con equipaggiamento idraulico fornito da Bosch Rexroth. Qui, cinque paratoie di regolazione ad azionamento idraulico fanno accumulare l’acqua dolce sino a quando essa non raggiunga almeno l’altezza di quella salmastra, evitando così che quest’ultima possa spingersi nel canale. Accumulata una quantità sufficiente di acqua dolce, le paratoie si aprono, consentendo all’acqua di defl uire nel Golfo. Quest’opera idraulica in acciaio, tuttavia, svolge anche un’altra funzione: due paratoie a settore azionate idraulicamente che fungono da chiusa per navigazione e un ponte girevole a movimento idraulico consentono alle navi di accedere al canale.

Un ammodernamento svolto con grandi forze

A seguito delle guerre in Iraq, l’impianto ha subito danni; a luglio 2014, Bosch Rexroth Romania ha vinto la commessa per il suo ammodernamento. Dalla Germania, ha prestato assistenza al progetto il reparto Progettazione Costruzioni in acciaio per oleodinamica, che ha curato la realizzazione dell’equipaggiamento idraulico, composto da sette cilindri e nove unità. L’ammodernamento comportava una notevole sfi da: l’impianto doveva operare con forze maggiori rispetto all’equipaggiamento originario. A tale scopo, gli esperti Bosch Rexroth hanno sviluppato cilindri che, pur resistendo a sollecitazioni maggiori, possano comunque essere alloggiati nella struttura in acciaio esistente, aspetto che ha richiesto considerevoli modifi che progettuali. I tecnici hanno inoltre dotato i cilindri di un nuovo sistema di misurazione della corsa, che consente di stabilire con precisione millimetrica a quale altezza la paratoia, o il ponte, si trovino in quel momento. La conclusione dei lavori di ammodernamento è prevista per la fine dell’anno.

Come funziona la chiusa per navigazione Magnifier

Quando una nave passa dall’acqua dolce all’acqua salmastra, viene aperta leggermente la porta sinistra della chiusa, affi nché l’acqua dolce affl uisca nel bacino e il livello dell’acqua al suo interno possa stabilizzarsi (1). Raggiunto il livello appropriato, la porta viene completamente abbassata e la nave può così entrare nel bacino (2). A questo punto, viene leggermente aperta la porta sinistra della chiusa, in modo che il livello dell’acqua del bacino si stabilizzi rispetto all’attuale livello dell’acqua salmastra all’esterno (3). Quando il livello dell’acqua si è stabilizzato, la chiusa si apre completamente e la nave può transitare in direzione del Golfo Persico.