Un gelido record mondiale

 

Rapida nei cicli e rapidamente sul mercato: la Ditta Weyhmüller Verpackungstechnik GmbH, supportata nell'engineering da Bosch Rexroth, ha sviluppato la più veloce confezionatrice per gelati al mondo.

 

Quando il termometro sale, anche la voglia di refrigerio aumenta per la gioia dei produttori di gelati: proprio allora, infatti, con il fresco piacere si fanno affari d'oro. Ai produttori, tuttavia, non riesce facile prevedere i periodi di bel tempo, soprattutto nei commerci stagionali dell'emisfero Nord. E quando il caldo arriva e gli amanti del gelato aumentano di colpo, occorre grande flessibilità per evitare l'incubo dei rivenditori: un freezer vuoto.

Un refrigerio programmato al secondo

Una nuova macchina di Weyhmüller Verpackungstechnik GmbH per la lavorazione di buste piane coniche fa ora avanzare più rapidamente il colorato ghiaccio per gelati dalla busta a pressione, detta “squeezer”. Con il suo rendimento da 8.400 coni all'ora, questa macchina è la confezionatrice per gelati più veloce al mondo. L'azienda tedesca di Neu-Ulm, leader mondiale nelle avvolgitrici per coni gelato, ha così potuto migliorare le prestazioni massime del 50% rispetto al modello precedente.

A consentire tale risultato, anche la stretta collaborazione in fase di sviluppo: “Fin dai primi colloqui abbiamo notato come Bosch Rexroth fosse di casa nell'industria del Food and Packaging e comprendesse davvero le nostre esigenze”, ricorda Heinrich Peitz, Direttore Weyhmüller che, dato l'avvicinarsi di una fiera, teneva molto ad un breve Time to Market. Ed anche il capitolato elencava requisiti ambiziosi: una maggiore velocità di ciclo, strette tolleranze di ovalità per il bordo e, per di più, un prezzo che rendesse la macchina interessante per il mercato. La macchina doveva inoltre poter cambiare rapidamente formato e lavorazione e consumare poche risorse.

Sono gli standard a definire i benchmark

Per velocizzare i cicli è stato cruciale passare da un asse meccanico ad uno virtuale che, generato dall'azionamento principale, sincronizzasse mediante bus deterministico tutti gli altri assi. A tale scopo, gli specialisti software di Bosch Rexroth hanno supportato Weyhmüller con il Generic Application Template GAT, parte integrante dell'Open Core Engineering per tutti i controlli e azionamenti Rexroth.

La filosofia Drive & Control è basata sulla soluzione di sistema IndraMotion. I servocomandi della serie IndraDrive trasformano le istruzioni calcolate dal controllo macchina in posizioni motore, sincronizzate e precise. I movimenti lineari sono affidati ai moduli di avanzamento VKK; la trasmissione della forza ad appositi moduli Compact. Tali unità standard consentono una rapida fornitura di ricambi, riducendo così i tempi di fermo.

Pur con una produttività migliorata del 50%, la nuova macchina consuma meno energia rispetto al modello precedente, grazie all'approccio sistemico Rexroth 4EE, aspetto che non è apprezzato soltanto dai produttori di gelati. Anche Peitz, con un occhio ai progetti futuri, rimarca: “La collaborazione è stata estremamente efficiente. Con questo progetto, Bosch Rexroth si è qualificata come nostro partner di sistema anche per la prossima generazione di macchine.”