Una questione di regolazione

The control system from Rexroth finds the correct setting for profile extrusion presses
Marginal Column
Content

Luglio 2017

 

Un sistema di gestione pressione e portata a regolazione multipla incrementa l’effi cienza energetica e la disponibilità nell’estrusione di profili.

Foshan Nanhai Jinli Machinery Manufacture Co., Ltd. è un costruttore di presse per estrusione di profili in alluminio e in rame. Già alcuni anni fa, l’azienda è passata azionamento a velocità variabile per pompe, fra i quali anche il Sytronix di Rexroth. L’efficiente combinazione fra servocomando altamente dinamico e pompa a cilindrata fissa adempie al meglio, grazie all’elevata dinamica, ai requisiti delle macchine per la lavorazione della plastica e degli azionamenti pistone superiore per servopresse.

Dinamica e forza

Oltre all’agilità, le presse per estrusione di profili devono anche avere grande forza. Ciò è necessario, ad esempio, quando un cilindro idraulico introduce nella matrice elementi grezzi in rame e in alluminio. Affinché una pompa a cilindrata fissa possa generare tale pressione, il servocomando deve operare al massimo regime: con elevate temperature ambiente ed elementi grezzi di notevole lunghezza, ciò può causare surriscaldamenti e, quindi, lo spegnimento del motore. Per rispondere a tale sfi da, Foshan Nanhai Jinli, in collaborazione con Bosch Rexroth, ha sviluppato una soluzione di azionamento per l’impiego in Paesi dal clima particolarmente caldo. La soluzione si basa su azionamenti pompe a velocità variabile con pompa a pistoni assiali a cilindrata variabile A4 e regolazione elettroidraulica DFE. Tale sistema non soltanto varia i regimi in base al fabbisogno, ma anche l’angolo d’inclinazione della pompa a pistoni assiali: quest’ultima può così generare una portata elevata con pressione ridotta, laddove occorrano movimenti rapidi, e una pressione elevata con portata ridotta, per movimenti lenti ma di grande potenza.

Una combinazione ottimale

Il software SY(H)DFEn di Rexroth calcola, in base alla pressione necessaria, la combinazione ottimale fra angolo d’inclinazione e regime per l’intera catena cinematica, creando in tale modo un riduttore idraulico a regolazione continua. La regolazione dell’angolo d’inclinazione svincola il regime dal movimento. In modalità di mantenimento pressione, la portata volumetrica viene ridotta dall’arretramento della pompa a cilindrata variabile e il regime del motore può ridursi in proporzione. Nella pressa per estrusione di profili, il software SY(H)DFEn regola il movimento principale, senza valvole proporzionali, in maniera molto elastica, riducendo le perdite di strozzamento e le infiltrazioni di calore nell’olio idraulico.

Foshan Nanhai Jinli ha già consegnato le prime quattro presse per estrusione di profili con software SY(H)DFEn, destinate ad un ambiente subtropicale: anche in tale contesto, la regolazione elettroidraulica di pressione e portata ha dato buona prova. Perciò, il costruttore non solo passerà a questa soluzione per le sue nuove macchine, ma la offrirà anche ai suoi clienti, per riequipaggiare macchine già installate.