Lo studio: la crescente importanza dei mercati esteri

Content

Uno studio condotto nel 2010 dalla Fondazione tedesca Impuls indica che circa due terzi dei costruttori di macchine tedeschi con fatturato superiore ai dieci milioni di euro prevedono una quota di fatturato estera sempre più rilevante. Fra essi, più del 60% intende estendere la produzione al di fuori della Germania. Le direzioni sono il Sud America, la Russia, l’India e la Cina, ma anche l’Europa Orientale. Secondo lo studio, due terzi delle maggiori aziende del settore meccanico e un quarto fra quelle minori intendono aumentare entro il 2015 anche la quota dei collaboratori attivi all’estero. I mercati esteri andranno quindi gestiti non soltanto con le esportazioni, ma anche consolidando le risorse aziendali nei Paesi target. E stando agli esperti, la maggiore crescita e la crescente produttività creeranno nuovi posti di lavoro anche in patria.