Assistenti all’aratro

Plow companion
Marginal Column
Content

Luglio 2016

 

Ormai da decenni, le regolazioni idrauliche per gruppi di sollevamento rappresentano una funzione cruciale nei trattori, agevolando il lavoro agli agricoltori ed incrementando la produttività.

L’avvento del trattore ha enormemente agevolato il lavoro degli agricoltori; tuttavia, nella lavorazione del terreno, vi erano ancora potenzialità di miglioramento. Soprattutto su terreni dalle condizioni variabili, la potenza del motore non sempre risultava adeguata al peso del vomere o alla forza di trazione che esso richiedeva. In tale caso, spesso le ruote iniziavano a slittare, oppure il motore si spegneva. L’operatore, inoltre, doveva costantemente guardare alle proprie spalle, per tenere sotto controllo il vomere dietro di sé. Tutto ciò rendeva il lavoro poco sicuro, ineffi ciente e scomodo. Infi ne, durante i trasferimenti il crescente peso degli attrezzi sul retro del trattore causava oscillazioni, che si trasmettevano continuamente sull’operatore.

Bosch Rexroth ha risposto a tali problematiche con varie innovazioni:

1952La prima regolazione meccanica del sollevatore (abbreviazione tedesca MHR, Mechanische Hubwerksregelung): grazie alla regolazione mista della forza di trazione e della posizione del sollevatore, è garantita una profondità di lavorazione uniforme e uno sforzo costanti. Ciò migliora il carico sull’assale posteriore e la superfi cie arata, inoltre non occorre più aggiustare continuamente la profondità di lavoro dell’attrezzo stesso. Per la prima volta l’operatore regola il sollevatore direttamente dal sedile di guida.

1979

Debutta sul mercato la prima regolazione elettroidraulica del sollevatore (EHR). Grazie allo sviluppo del sensore di sforzo e ad un raffi nato concetto di regolazione, la forza di trazione necessaria al trattore per trascinare l’attrezzo può fi nalmente essere misurata e controllata con precisione. La crescente presenza dell’elettronica nell’idraulica consente maggiore sicurezza e comfort, grazie alla riduzione delle vibrazioni. Ciò consente inoltre una lavorazione del terreno più precisa e una più lunga durata dell’attrezzo, grazie alla minore usura dello stesso. Ormai da tempo, l’EHR rappresenta lo standard nei trattori di media e alta potenza.

2001 Con l’elettronica On-Board, per la prima volta, idraulica ed elettronica si fondono in un componente meccatronico: la centralina di comando del sollevatore diventa conseguentemente più compatta.

2007 La valvola di regolazione a doppio effetto EHR33-da consente al sollevatore l’abbassamento attivo a pressione controllata. Ciò risulta molto pratico in assenza di carico agente sul sollevatore, alle basse temperature e con attrezzi di peso ridotto.

2014

Viene introdotta sul mercato il sistema EHC-8 (Electro-Hydraulic Hitch Control), la robusta soluzione per trattori di bassa potenza senza cabina, sviluppata come alternativa per quei mercati dove i sistemi meccanici sono ancora molto diffusi, come ad esempio quello indiano.